Crisi Grecia: e ora si va tutti a legna

La popolazione greca, disperata, si scalda e cucina con la legna. Che però non basta per tutti: boschi addio…

Gas e gasolio da riscaldamento costano ormai una fortuna per il disperato popolo greco. Quanto all’elettricità, beh, visto che la locale IMU si paga nella bolletta elettrica, moltissimi hanno già affrontato il doloroso distacco del contatore.

Così, riferisce Ekathimerini, i greci quest’anno vanno a legna. A legna nel nord, dove lo spostamento verso i camini, le stufe e le cucine economiche è già avvenuto lo scorso inverno. A legna ora anche nel sud: la domanda di pellets e ceppi è aumentata già del 100% rispetto allo scorso anno. Strage dei rivenditori di carburanti, incremento del commercio di legna.

Il risultato di tale frenetico spostamento è un aumento del prezzo, e soprattutto la certezza che il legname disponibile non basterà per tutti.

legna

Sono già partite asce e accette abusive alla volta dei boschi di montagna, se ne sono avute le prime avvisaglie lo scorso anno. I greci probabilmente finiranno col disboscare tutto, nel tentativo di scaldarsi e cucinare spendendo il meno possibile. Nel 2007 parlai dello stesso tragico fenomeno, ma all’epoca avveniva nell’africano Mali. Come sembrava lontano e fantascientifico, dalla nostra ricca Europa.

Foto – Photopin

Fonte: http://petrolio.blogosfere.it/2012/09/crisi-grecia-e-ora-si-va-tutti-a-legna.html

Dai le stelle a questo articolo