GLI IMPRENDITORI PARTECIPANO ALLA STORIA DELLA SALVEZZA?

ECONOMIA ED ETICA DAI FRANCESCANI A PAPA FRANCESCO

Sabato 22 ottobre si tiene all’Istituto Leone XIII l’incontro promosso dall’Associazione ex-Alunni dell’istituto e organizzato dall’Associazione San Giuseppe Imprenditore, nata per valorizzare le esperienze di buona imprenditoria e aiutare imprenditori in difficoltà MILANO – Valorizzare e far emergere le testimonianze e i casi di buona imprenditorialità, anche alla luce di personali esperienze di fede, e aiutare con servizi e supporti dedicati gli imprenditori in grave difficoltà: sono le due finalità principali dell’Associazione San Giuseppe Imprenditore (ASGI), che sabato 22 ottobre propone presso l’Istituto Leone XIII (via Leone XIII, 12), in collaborazione con l’Associazione degli ex alunni dell’istituto, l’incontro sul tema “La buona imprenditoria partecipa alla storia della salvezza? Impresa, mercato, solidarietà e sostenibilità, dalla Scuola francescana a Papa Francesco.

Esperienze, scelte di vita e buone prassi di chi fa impresa per

Preceduto dalla Santa Messa (ore 9,30), l’evento mette a confronto esperti e imprenditori sul rapporto tra economia ed etica, con interventi di Oreste Bazzichi, docente di sociologia presso la Pontificia Facoltà San Bonaventura-Seraphicum, Alessandro Crespi, past president Ucid Lombardia, Sandro Feole presidente Studio Feole, Lorenzo Orsenigo presidente ASGI. Contributi e testimonianze dagli imprenditori Federico Terraneo (Neologistica), Stefano Sala (Gruppo Per) e Fabio Bonanni (Bci).

“Se la partita doppia l’ha inventata un francescano, ci deve essere davvero del buono nelle attività economiche guidate da principi e metodiche che si ispirano a una dimensione etica del fare. Allora anche noi imprenditori, ispirati dal nostro patrono San Giuseppe nel creare lavoro, possiamo dare un grande contributo al bene comune”: così Lorenzo Orsenigo – già titolare della Orsogril, gruppo di cinque società leader in grigliati e recinzioni metalliche per l’edilizia, che la crisi ha obbligato a un concordato – spiega la mission dell’Associazione San Giuseppe Imprenditore, che intende promuovere tutti coloro che ogni giorno fanno impresa e creano lavoro, come agricoltori, artigiani, artisti, commercianti, professionisti e industriali. In una parola: imprenditori. “Vogliamo anche essere di aiuto a tutti quegli imprenditori che vivono momenti di grave difficoltà in azienda e a livello personale, perché nessuno sia lasciato solo davanti a scelte che possono sfociare in tragedie”.

Nel corso dell’evento sarà presentato il Telefono Arancione (02-3790.4770), primo servizio di aiuto gestito da ex-imprenditori, “al quale possono rivolgersi, in forma totalmente anonima, imprenditori alle prese con situazioni personali difficili o di grave rischio per l’azienda, trovando ascolto, consigli e il supporto gratuito di professionisti che analizzano la situazione e suggeriscono soluzioni fattibili, prima di gravi conseguenze personali e familiari”, conclude Orsenigo.

Informazioni su ASGI – Associazione San Giuseppe Imprenditore:

WEB: www.sangiuseppeimprenditore.it

FACEBOOK: www.facebook.com/sangiuseppeimprenditore

YOUTUBE: https://www.youtube.com/channel/UCSjQltvy7gEBX1GnHP_W4XA

TWITTER:@AsgiSanG https://twitter.com/AsgiSanG

Per contatti e info:

Daniele Garavaglia Responsabile comunicazione ASGI – 392.3694041 – ufficiostampa.asgi@gmail.com

GLI IMPRENDITORI PARTECIPANO ALLA STORIA DELLA SALVEZZA?
5 (100%) 1 vote