Il delirio dei sensi

Quando manca la consapevolezza, gli estremi sono solamente ferite profonde, tagli sanguinosi nell’anima, non rimarginabili se non, forse, con tanto, tantissimo amore… difficile è quello, avere consapevolezza di ciò che accade, fare sì che accada con persone consapevoli, ma non basta l’esperienza, occorre qualcosa, un dono superiore, la capacità di entrare, andare a fondo, suonare il corpo di una persona come se fosse uno strumento musicale… ricavarne note, vibrazioni, palpitazioni… esistono orgasmi superiori in cui non sono solamente i genitali a scuotersi ed esplodere, non solo il corpo… è possibile godere oltre, oltre l’anima, sono energie penso primordiali che possono darci l’appagamento superiore… una specie di bungeejumping dentro il nostro corpo, la nostra vita… ma dobbiamo conoscerci, in tutto… TUTTO… tutto concorre al tutto… sembra banale e ovvio ma è estremamente complesso invece…

sensi

La timidezza, la paura, l’ansia, la vertigine, i desideri, i timori, le fobie, le ossessioni, la vergogna, la rabbia, la dolcezza, la mente, lo sguardo, gli odori, i profumi e gli aromi, i sapori e i gusti, il cibo, le bevande, la delicatezza, il caldo e il freddo, bruciore, gelo, tutto ciò che sfiora, morbido o pungente, liscio, graffiante, stimolante… TUTTO può essere convertito e sfruttato, indicizzato, canalizzato, persino esorcizzato e riutilizzato… come le energie rinnovabili, come i rifiuti differenziati… da una cosa inutile, dalla spazzatura, dagli scarti, si ricicla il tutto in energia pulita, nuova…

perchè avvenga occorre il controllo, la conoscenza interiore, totale, reale…

a quel punto si può giocare, al delirio dei sensi…

Il delirio dei sensi
5 (100%) 1 vote