Tecnologia fuori controllo

TECNOLOGIA FUORI CONTROLLO

Cos’è una tecnologia fuori controllo? Come si sviluppa? Chi l’ha realizzata? Perché attanaglia tutta l’umanità?

Un tempo si parlava di Merkaba, un veicolo utile per accedere ad altre dimensioni, a diverse realtà…Oggi sembra quasi scomparsa, o meglio, occultata, celata…Pochi ancora ne fanno congettura…

“Mer” è un tipo specifico di luce, noto in Egitto, quando le religioni furono ri-orientate alla venerazione di un solo Dio della creazione.

Mer era visto come due campi contro-rotanti di luce che ruotano nello stesso spazio. Questi campi iniziano a ruotare sotto l’impulso di particolari atti respiratori.

“Ka”, si riferisce allo spirito individuale della persona;

“Ba” si definisce generalmente, nella dimensione umana, come il corpo o la realtà fisica.
La Mer-Ka-Ba è un campo contro-rotante di luce, attivato dalla rotazione di forme geometriche specifiche che influiscono simultaneamente sul nostro spirito e il nostro corpo.
È un veicolo che può aiutare la mente il corpo e lo spirito ad accedere e a sperimentare altri piani di realtà.

In tempi passati essa era considerata la tecnologia di Atlantide, il continente sommerso negli abissi dell’oceano. Si trattava di due piramidi sovrapposte e intersecate l’una con l’altra a guisa di doppio tetraedro in modo da formare una stella. Si diceva appunto tetraedro-stella (Il Sigillo di Salomone). Una piramide con il vertice rivolto verso il basso che rappresenta l’energia femminile, l’altra con il vertice verso l’alto che rappresenta l’energia maschile. Esse ruotano simultaneamente in controrotazione dando vita a un potente campo energetico denominato “corpo di luce”. Quest’ultimo consentiva anche di trasformare la materia in energia pura in modo tale da poter viaggiare verso altri mondi dimensionali. Bastava attivarla. Come? Con 18 potenti respirazioni in una profonda fase meditativa. Anticamente  sorsero delle scuole spirituali, dette misteriche,  che insegnavano la tecnica per attivare il proprio campo di luce.

Il corpo di luce è, in un certo senso, un veicolo che consente di viaggiare nello spazio alla velocità del pensiero, quindi molto più rapidamente della velocità della luce. Proprio come fosse un disco luminoso. Letteralmente significa “carro”.

Torniamo ad Atlantide.

Prima di Atlantide, esisteva Lemuria o Mu, il continente perduto, anch’esso nell’oceano, probabilmente il Pacifico.

I Lemuriani avevano un’energia tipicamente femminile, con predominanza del cervello destro intuitivo e da essa erano guidati. Avevano sviluppato una consapevolezza spirituale molto avanzata che univano a una splendida forma di sessualità tipicamente androgina. Erano però anche in grado di interfacciarsi con altri simili per provare forme di estasi molto simili al nirvana, all’orgasmo perenne, all’erotismo puro. A Lemuria sorsero anche scuole che insegnavano a sviluppare quella che veniva considerata l’Arte di Vivere, l’Arte del Cuore, cioè il corpo fisico unito allo spirito etereo. I lemuriani erano molto evoluti e armoniosi.

Per ragioni ignote, la Lemuria s’inabissò e i sopravissuti si rifugiarono dapprima nel centro america per poi confluire ad Atlantide, il nuovo continente emerso. I lemuriani si mischiarono agli atlantidei e a tutti gli altri suoi abitanti, alcuni dei quali venivano anche da mondi esterni alla terra.

Qui vennero contaminati da una forma di energia particolarmente maschile che prediligeva la mente a discapito del cuore.  Molto molto tecnologica.

Da altri mondi, scientificamente avanzati, avevano importato un oggetto chiamato appunto MerKaBa. Questo oggetto, opportunamente attivato, avrebbe aiutato gli atlantidei a dominare sul mondo intero.

Questi esseri erano purtroppo essenzialmente MENTALI, troppo mentali e poco, troppo poco improntati nel cuore. Poco in equilibrio, poco centrati nella loro armonia interiore. Creavano strumenti tecnologici assai complessi per governare e controllare tutti e tutto, perfino la natura, forse anche l’universo. Purtroppo, in questo modo, non essendo armoniosamente equilibrati nel loro “essere interiore” attivarono una MerKaBa che andò presto fuori controllo. I campi di rotazione così impostati crearono vortici impazziti che andarono totalmente FUORI CONTROLLO e provocarono la distruzione della stessa  Atlantide e il suo successivo inabissarsi.

Soltanto che la grande MerKaBa Fuori Controllo rimase attiva negli abissi più scuri dell’oceano, condizionando le menti degli umani e le successive ere.

Dopo Atlantide fu la volta dell’Antico Egitto e della grande civiltà che influenzò tutto il pianeta. Anche la concezione egiziana era prevalentemente mentale e di dominazione maschile. Vero anche, d’altra parte, che forti e importanti presenze di quel tempo andarono fortemente a contrastare questa predominanza mentale maschile. Mi riferisco a personaggi come Osiride, lemuriano prima e atlantideo poi, e a Iside, la grande Dea. Oggi ritornata a noi dall’energia del punto zero della nostra galassia.

Tutto quanto detto finora può essere considerato una fiaba mitologica, con qualcosa di vero e tanto di fasullo, oppure il contrario. Dipende solo da ciò che ci dice il nostro cuore, quando non è filtrato dalle convinzioni, dalle conoscenze.

Quello che ora ci interessa è quanto ci insegna riguardo alla tecnologia che usiamo oggi, nella nostra epoca e soprattutto quanto essa sia al nostro reale servizio e non noi al suo. Quello che conta veramente è quanto questa tecnologia viene gestita per il bene supremo di tutti e nondimeno quanto la tecnologia sia oggi governata, creata e realizzata da una mente unita al cuore. Altrimenti si parla ancora oggi di tecnologia fuori controllo.

Secondo te, gentile lettore, i potenti strumenti scientifici che abbiamo a nostra disposizione oggi sono concepiti e assemblati da forme di pensiero in perfetto equilibrio corpo-mente-spirito?

Altrimenti ritorniamo alla MerKaBa  gigante e riconosciamo che essa è ancora attiva e fuori controllo nel fondo dell’oceano marino e che il famoso “Triangolo” che fa sparire aerei e navi subisce proprio l’immediato effetto di questa antica tecnologia. Effetto che comunque poi agisce su tutti gli uomini agganciandosi a una precisa griglia energetica elettromagnetica che circonda tutto il pianeta e condiziona menti e volontà umane.

Personalmente credo che questo valeva fino a ieri, o meglio fino all’esistenza di un vecchio mondo energetico terminato con il fatidico 21 dicembre 2012, la cosiddetta fine del mondo, di cui non ci siamo resi conto, ancora una volta. La tecnologia impazzita e andata fuori controllo è stata sistemata e finalmente guarita.

Già…ma da chi?!?

Forse proprio da coloro che, in questi tempi di grande risveglio, hanno riconosciuto il proprio Sé Superiore, lo hanno ridefinito e si sono ad esso riuniti, ritrovando uno stupendo equilibrio interno, l’alba della propria vita.

Ora quando leggiamo un libro, un articolo di giornale, quando ascoltiamo una voce, un canto, prima percepiamo il tono, la vibrazione, l’energia che emana e il nostro cuore, inteso come Sé, riconosce l’autenticità e il valore del messaggio, della comunicazione.

Allora la tecnologia fuori controllo, quella demoniaca, che ci controlla, ci stressa, ci inibisce i sensi, piano piano scompare per lasciare il posto a una strumentazione al servizio della natura, a una teconologia al servizio dell’umanità che pulsa ai ritmi dell’energia vitale. L’energia cosmica che ci penetra costantemente rivelandoci la sorgente madre dell’esistenza.

Ben presto non permetteremo più al demone tecnologico d’insinuarsi nello spazio che intercorre tra i nostri pensieri e le nostre azioni. Così invalideremo i conflitti, scompariranno i disequilibri, prima dentro di noi, poi nel mondo che viviamo.

Attenzione però che per fare ciò è indispensabile aprire uno spiraglio in tutti noi per lasciare che la luce vi penetri. E’ una scelta, una decisione determinata dalla nostra volontà. E’ la consapevolezza della nostra libertà. Significa assumere la responsabilità delle nostra esistenza.

 

Tecnologia fuori controllo
Dai le stelle a questo articolo