Vendite auto: siamo alla fine di un’era

Il mercato dell’auto è alla fine, ecco i segnali inequivocabili.

Se conoscete l’inglese, vi consiglio la lettura di questo bel post/saggio di Gregor McDonald, specialista di economia e mercati petroliferi, sul suo blog Gregor.us.

Si intitola “La fine dell’auto”, e riassume molto bene non solo la situazione tragica del mercato automobilistico mondiale, ma anche le motivazioni.

Ad esempio, Gregor individua tra i motivi la stretta correlazione tra l’industria automobilistica e i governi, la politica: fenomeno tipico delle industrie in declino. E infatti, abbiamo assistito a continui bailout delle industrie dell’automotive, interventi statali, salvataggi, rottamazioni e finanziamenti, di tutto pur di tenere in vita il paziente in agonia. Oltre a decisioni politiche anacronistiche volte a mantenerci legati al modello automobilistico vigente da decenni.

Modello che, come nota Gregor, è al tramonto anche come status symbol: i giovani trovano più “figo” possedere uno smartphone piuttosto che una macchina. Ne avevamo parlato anche noi qualche mese fa.

Oltre ai crescenti costi ambientali della cultura automobilistica, esistono anche quelli necessari al mantenimento delle necessarie infrastrutture: autostrade, svincoli, cavalcavia, caselli. McDonald ripete ciò di cui si parlava proprio ieri, ovvero che il governo americano non ha più né i soldi né l’intenzione di mantenere le strade in perfetto stato. Molte delle secondarie torneranno a strade bianche, le altre saranno semplicemente sempre più dissestate e scomode.

Per finire, anche gli apparentemente promettenti mercati orientali seguiranno lo stesso nostro percorso: ma a causa della crisi finanziaria e dei costi energetici, il declino arriverà molto più rapidamente. Cina e India, secondo Gregor, non hanno insomma certo davanti a sé 50 anni di civiltà dell’automobile.

(Grafico: automotive.net; le vendite di auto degli ultimi 5 anni nei principali mercati mondiali)

Fonte: http://petrolio.blogosfere.it/2012/08/vendite-auto-siamo-alla-fine-di-unera.html

Dai le stelle a questo articolo

Lascia un commento